Le discipline economiche
 

Patto Stato Mafia = patto Cassazione Riina?

attoreattore111@gmail.com 7 Giu 2017 15:50
E' di questi giorni la notizia
che la Cassazione ha invitato
il tribunale che si occupa
della detenzione di Riina
a rimotivare la decisione
di lasciarlo in carcere.

In pratica la Cassazione
ha detto che quanto
deciso dal tribunale in questione
non va bene e va rivisto, meglio
rimotivato. Ma siamo sicuri
che questo tribunale sarà capace
di meglio motivare nel caso specifico?

Magistrati esperti, come Colombo e Di Pietro
hanno menzionato l'articolo 147 del cp.

Leggiamo quindi il caso che riguarda
Riina:

La pena va differita SE:
una pena restrittiva della libertà personale deve essere eseguita contro chi
si trova in condizioni di grave infermità fisica (2);

http://www.brocardi.it/codice-penale/libro-primo/titolo-v/capo-ii/art147.html

Riporto inoltre una NOTA
a questo comma 2:
<<2) La valutazione inerente la gravità dell'infermità fisica deve tenere
conto della considerazione oggettiva della malattia, in relazione alle
condizioni di efficienza sanitaria del singolo istituto carcerario, intese come
possibilità di fruire, in stato di libertà, di cure e trattamenti
sostanzialmente diversi e più efficaci rispetto a quelli che possono essere
prestati in regime di detenzione.>>

La nota 2 in pratica spiega come si applica questo comma, cioè
come si sono regolati i magistrati fino ad oggi
ovvero la CONSUETUDINE in questo settore qual è.

E qual è la consuetudine?
E' esattamente quella adottata dai giudici
che sorvegliano Riina, cioè gli hanno
assicurato le cure in carcere e nulla
gli fanno mancare.

Però chissà perché la Cassazione
non è d'accordo!

ATTENZIONE!
Qui il punto non è la pericolosità
di Riina, il fatto che può mandare
messaggi se mandato a casa sua ecc.
Tutto questo non c'entra nulla.

L'usanza è ben chiara. Cioè il tribunale
di sorveglianza deve FAR CURARE AL MEGLIO
il detenuto e punto. Se queste
cure si possono avere in carcere
o in una struttura ospedaliera SORVEGLIATA,
allora tutto bene.
Andare a casa non c'entra nulla quindi!

E allora perché si parla di mandare
a casa Riina?
Leggendo il comma due si parla di differimento
della pena ma non di lasciare libero il detenuto.

In pratica quello
che si sta dando ad intendere alla FAMIGLIA
di Riina e a Riina stesso è che
la Cassazione VORREBBE mandarlo a casa
a morire con intorno la sua famiglia,
MA questi giudici di sorveglianza non vogliono.

In pratica stanno cercando di tenere
ZITTO Riina fino alla fine dei suoi giorni
onde evitare che in punto di morte
dovesse decidersi a parlare coi magistrati,
PENTIRSI, pur di poter vedere i propri familiari.

Ma se Riina si pente, ecco, COSA potrebbe dire?
Potrebbe dire che qualche politico, tramite
agenti dei servizi, gli chiese di mettere
in atto una strategia della tensione?
Perché è questo che Scarpinato avrebbe ipotizzato:

http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/una-verita-a-brandelli-interessi-politici-oscuri-tramano-ancora/

Intanto la mafia in Italia c'è ancora,
fa i propri affari, minaccia e chissa perché
i magistrati ancora non riescono a metterli
tutti in carcere.
Mistero!
mario 7 Giu 2017 16:32
Il giorno mercoledì 7 giugno 2017 15:50:19 UTC+2, attorea...@gmail.com ha
scritto:
> E' di questi giorni la notizia
> che la Cassazione ha invitato
> il tribunale che...............

> Intanto la mafia in Italia c'è ancora,
> fa i propri affari, minaccia e chissa perché
> i magistrati ancora non riescono a metterli
> tutti in carcere.
> Mistero!

la mafia è una struttura parallela & complementare allo stato quindi la mafia
è a palazzo.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Le discipline economiche | Tutti i gruppi | it.economia | Notizie e discussioni economia | Economia Mobile | Servizio di consultazione news.