Le discipline economiche
 

i "complottisti" (con un piccolo addentellamento all' economia)

radicale.001@gmail.com 12 Giu 2017 10:46
spesso sono di una ingenuità davvero disarmante (il contrario
cioe di quello che si direbbe osservandoli superficialmente)
e io sono ragionevolmente sicuro che i piu estremi di loro
soffrano di una qualche patologia mentale che pero' non conosco.

Tuttavia (non ci crederete) credo anche che siano persone utili.
Per la semplice ragione che ogni tanto (raramente) c' azzeccano.
Oppure (un po meno raramente) fanno osservare alcuni fatti di un
certo interesse a latere, dai quali possono nascere altre cose.

gia

Anche qui rilevo e osservo che il segreto è : DIFFERENZIARSI.

Gli attori economici lo fanno (+ o - istintivamente) praticamente
da sempre.

Il prof. Gnesutta diceva : per "irrigidire" la loro curva di
domanda :-)
attoreattore111@gmail.com 12 Giu 2017 14:03
Il giorno lunedì 12 giugno 2017 10:46:19 UTC+2, radica...@gmail.com ha scritto:
> spesso sono di una ingenuità davvero disarmante (il contrario
> cioe di quello che si direbbe osservandoli superficialmente)
> e io sono ragionevolmente sicuro che i piu estremi di loro
> soffrano di una qualche patologia mentale che pero' non conosco.
>
>
Più che di patologia
a mio parere si tratta di paura
dell'ignoto e paura della morte.
Penso che si vadano ad attivare
gli stessi meccanismi che portano
a credere in entità sovrannaturali
alle quali affidarsi.

Cioè, alcuni complottisti,
somigliano agli integralisti in
campo religioso.
E' il voler trovare, ad ogni costo,
una causa, una risposta, ma che sia
semplice, elementare, b*****e senza
tener conto della complessità.

Per es. i bambini, durante la fase
del cosiddetto animismo non fanno
altro che comportarsi come quelle civiltà
presso le quali si adoravano divinità
di ogni genere: come il ******* del vento,
il ******* del mare, ******* della tempesta ecc ecc.

In questo modo si riusciva a conoscere,
in modo elementare, la causa di eventi
naturali spesso devastanti e temibilissimi.

Capito che dietro questi eventi temibili
c'era una entità cosciente (divinità)
ecco che arriva l'idea di rivolgersi
a tali divinità pregandole.
Ovvero, se ne dedusse che, così
come un essere umano fa del male
quando è adirato, allo stesso
modo fa la divinità quando è adirata.

Da qui pregare la divinità affinché
si plachi, affinché abbia misericordia
e dia il suo perdono. Da qui l'offerta
in sacrificio ecc ecc.

Tutte cose che ancora oggi si ritrovano
nella religione cristiana per es.

Insomma, e concludo, così
come ci sono persone che
pensano che dietro tanti eventi
complessi vi sia il volere di un ******* buono
(o ******* cattivo: demonio), allo
stesso modo alcuni complottisti
pensano che dietro alcuni brutti
eventi vi sia sempre e in ogni
caso un gruppo di cattivi che trama,
che tradisce, che ordisce un complotto.

Possiamo parlare di patologia
in riferimento ai credenti?
O piuttosto si tratta di incapacità
ad affrontare *****isi più complesse?
Oppure questa incapacità si mescola
alla paura della morte e quindi
CONVIENE darsi alla fede?

p.s. siamo off topic, questa è roba
di cui si può discutere su un ng
di sociologia o antropologia culturale.
Però anche l'economia è una scienza umana,
quindi si tratta di un leggero off topic.
Gli off topic ben pesanti sono quelli
dove parli di acremone o dei tuoi
diretti interlocutori e passi
dall'argomento alle considerazioni
sulla persona che con te argomenta.
radicale.002@gmail.com 12 Giu 2017 14:14
Il giorno lunedì 12 giugno 2017 14:03:09 UTC+2, attorea...@gmail.com ha
scritto:
> Il giorno lunedì 12 giugno 2017 10:46:19 UTC+2, radica...@gmail.com ha
scritto:
>> spesso sono di una ingenuità davvero disarmante (il contrario
>> cioe di quello che si direbbe osservandoli superficialmente)
>> e io sono ragionevolmente sicuro che i piu estremi di loro
>> soffrano di una qualche patologia mentale che pero' non conosco.
>>
>>
> Più che di patologia
> a mio parere si tratta di paura
> dell'ignoto e paura della morte.
> Penso che si vadano ad attivare
> gli stessi meccanismi che portano
> a credere in entità sovrannaturali
> alle quali affidarsi.

si ma i complotti, ipotizzare complotti ecc è immaginare qualcosa
di inquietante che non puo' essere esorcizzato come si fa con un *******
adirato.

E' leggere infinita oscurità nella natura umana, e grandissimo
quanto improbabile potere da parte di non meglio identificati
gruppi di persone potenti ecc

E' credere al male solo in quanto tale, pur essendo molto meno
probabile (in quella forma) del bene o semplicemente della
casualita.


Quello che hanno in comune col fenomeno religioso che descrivevi
è solo un aspetto : il bisogno di individuare un nesso causa-effetto
preciso.

Ma, mentre in campo religioso questo nesso serve ad esorcizzare, a
gestire la paura ebbene in campo complottistico non ha (non puo avere)
questo scopo.
attoreattore111@gmail.com 12 Giu 2017 18:59
Il giorno lunedì 12 giugno 2017 14:14:00 UTC+2, radica...@gmail.com ha scritto:
>
>
> Ma, mentre in campo religioso questo nesso serve ad esorcizzare, a
> gestire la paura ebbene in campo complottistico non ha (non puo avere)
> questo scopo.
>
>
Premetto che su quest'argomento
non posso ora rifletterci in profondità
quindi posso anche sbagliare qualche
deduzione.

Però noi sappiamo che il credente
se da una parte adora il ******* del bene,
dall'altra rinuncia, incolpa il ******* del male,
cioè il demonio.
Quindi, quel male che va a rappresentarsi
come così orribile (le azioni terroristiche)
alla fine viene imputato a non meglio
specificate persone potenti e maligne, cioè
persone diaboliche.
Cioè invece di dire che è satana o i terroristi
dicono che sono complottardi diabolici che pur
di arrivare ad avere il potere sono disposti
a procurare un male diabolico all'umanità intera.

Il nesso sta nel fatto che questo satana
è visto come cattivissimo e onnipotente
e non bene individuabile, infatti si parla
di angelo del male.
I clompottardi di certe azioni agiscono
come satana e allo stesso tempo non sono
meglio identificati.
Si fa il nome di qualcuno, di qualche
banchiere, ma non si va oltre, non si indaga,
non si va a vedere nel dettaglio chi
aveva guadagnato da certe vendite di armi,
quali politici, quali industrie ecc.

Si parla in genere di "potenti" e basta.
E ovviamente si rinuncia ad *****izzare
la complessità di certi eventi ai quali
si può arrivare per una serie di concause
e non solo per iniziativa di un gruppetto
di persone.

Faccio un esempio.
Tutti quelli che hanno visto
negli attentati del settembre 2001
hanno parlato di Bush che avrebbe
orchestrato il tutto. Tutto questo
anche perché quest'ultimo non ha detto
che i crolli sono dovuti a demolizione
controllata.
In questo modo hanno identificato
il colpevole principale in modo immediato
e perché quest'ultimo sarebbe reo di
non avere detto la verità su quegli eventi
anche se magari la conosce.

Questa è la posizione di Chiesa, Mazzucco
e tanti altri.
Però a nessuno di questi è venuto
in mente che quello può essere stato
un colpo di Stato di cui Bush fu vittima.

Cioè questi complottisti di cui si parla
hanno troppe certezze e pochi dubbi ed è questo
che non va, è questo che li accomuna
ai credenti i quali hanno fede e nessun dubbio,
cioè credono senza avere indagato a fondo.

Un conto è se io dico che FORSE Bush
sapeva e ha acconsentito, altro è se
io dico che Bush SICURAMENTE sapeva ecc.

Ovvero il complottista esagera
quando non fa piu ipotesi fondate
ed argomentare e complesse, spiegando
anche i moventi, ma quando si limita
a indicare il colpevole e non sta li
neppure a spiegare.

Alla fin fine è sempre la solita azione
mentale.
Cioè si evita la complessità e si arriva
subito alla conclusione, si da la colpa
di tutti i mali ad alcuni i quali
fanno pure da capro espiatorio.
Quindi, una volta individuato il male,
basta guardarsi da quest'ultimo e converegere
verso il bene, il quale bene poi diventa
un ideale non meglio specificato e
che mai si va a realizzare, come il M5S di Grillo
per es. che ha preso il posto del PCI
nell'immaginario collettivo.

Ma qui mi sto allargando ad altro
di cui ho pure gia scritto su questo ng
giorni fa e tu forse hai letto.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Le discipline economiche | Tutti i gruppi | it.economia | Notizie e discussioni economia | Economia Mobile | Servizio di consultazione news.