Le discipline economiche
 

IL BITCOIN E' UNA BOLLA FINANZIARIA

Antonio V 12 Ott 2017 11:06
IO PENSO CHE IL BITCOIN SIA UNA BOLLA FINANZIARIA

Le monete reali sono nate perché erano fondate sul valore dell'oro, poi con la
carta-moneta divennero solo convertibili in oro, poi i governi decisero di
stampare moneta se cresceva la ricchezza della nazione.
Quelle virtuali invece non sono fondate sul calcolo della produzione di
ricchezza di una nazione, per cui come fanno a stabilire il proprio valore? solo
sul confronto con un'altra valuta nella misura in cui vengono acquistate!

Non possono esistere Bitcoin senza poterle cambiare con una valuta in banconote.

E perche' mai i Governi nel mondo dovrebbero rinunciare al potere di stampare
denaro quanto e quando vogliono per lasciare che venga sostituito dai bitcoin?

E nel caso dovesse accadere, cioè se dovessero sparire tutte le banconote del
mondo, ed esistessero solo bitcoin, avremmo che il valore di un bitcoin
diventerebbe più o meno di circa 1 trilione di dollari visto che numericamente
i bitcoin possono essere solo 21 milioni.

Si cercherebbe di individuare chi li possiede e i ladri, li circolerebbero
attorno come avvoltoi.

I comuni mortali sarebbero invece costretti a fare la spesa cone frazioni
infinitesime di bitcoin, i prezzi verrebbero espressi in cifre decimali
lunghissime, e si dovrebbero disporre di un videoterminale con cui potersi
connettere costantemente al web, alla rete elettrica nonchè avere un minimo di
cultura informatica, quando invece la maggior parte della gente non sà nemmeno
come accendere un televisore.
mario 12 Ott 2017 15:27
Il giorno giovedì 12 ottobre 2017 11:06:41 UTC+2, Antonio V ha scritto:
> IO PENSO CHE IL BITCOIN SIA UNA BOLLA FINANZIARIA
>
> Le monete reali sono nate perché erano fondate sul valore dell'oro, poi con
la carta-moneta divennero solo convertibili in oro, poi i governi decisero di
stampare moneta se cresceva la ricchezza della nazione.
> Quelle virtuali invece non sono fondate sul calcolo della produzione di
ricchezza di una nazione, per cui come fanno a stabilire il proprio valore? solo
sul confronto con un'altra valuta nella misura in cui vengono acquistate!

>è già quasi inesistente la moneta circolante essendo virtuale il 95 % o poco
più.

> Non possono esistere Bitcoin senza poterle cambiare con una valuta in
banconote.
> E perche' mai i Governi nel mondo dovrebbero rinunciare al potere di stampare
denaro quanto e quando vogliono per lasciare che venga sostituito dai bitcoin?
>
> E nel caso dovesse accadere, cioè se dovessero sparire tutte le banconote del
mondo, ed esistessero solo bitcoin, avremmo che il valore di un bitcoin
diventerebbe più o meno di circa 1 trilione di dollari visto che numericamente
i bitcoin possono essere solo 21 milioni.
>
> Si cercherebbe di individuare chi li possiede e i ladri, li circolerebbero
attorno come avvoltoi.
>
> I comuni mortali sarebbero invece costretti a fare la spesa cone frazioni
infinitesime di bitcoin, i prezzi verrebbero espressi in cifre decimali
lunghissime, e si dovrebbero disporre di un videoterminale con cui potersi
connettere costantemente al web, alla rete elettrica nonchè avere un minimo di
cultura informatica, quando invece la maggior parte della gente non sà nemmeno
come accendere un televisore.

faranno la fine dei vecchi cartoncini con scritto 10/50/100/500/1000 £ circa 30
anni fa poi sparirono e chi ce li aveva li ha buttati ma li aveva scambiati con
moneta vera.
enoquick 13 Ott 2017 03:37
Il 12/10/2017 04:06, Antonio V ha scritto:
> IO PENSO CHE IL BITCOIN SIA UNA BOLLA FINANZIARIA
>
> Le monete reali sono nate perché erano fondate sul valore dell'oro, poi con
la carta-moneta divennero solo convertibili in oro, poi i governi decisero di
stampare moneta se cresceva la ricchezza della nazione.
> Quelle virtuali invece non sono fondate sul calcolo della produzione di
ricchezza di una nazione, per cui come fanno a stabilire il proprio valore? solo
sul confronto con un'altra valuta nella misura in cui vengono acquistate!
>
> Non possono esistere Bitcoin senza poterle cambiare con una valuta in
banconote.
> E perche' mai i Governi nel mondo dovrebbero rinunciare al potere di stampare
denaro quanto e quando vogliono per lasciare che venga sostituito dai bitcoin?
>
> E nel caso dovesse accadere, cioè se dovessero sparire tutte le banconote del
mondo, ed esistessero solo bitcoin, avremmo che il valore di un bitcoin
diventerebbe più o meno di circa 1 trilione di dollari visto che numericamente
i bitcoin possono essere solo 21 milioni.
>
> Si cercherebbe di individuare chi li possiede e i ladri, li circolerebbero
attorno come avvoltoi.
>
> I comuni mortali sarebbero invece costretti a fare la spesa cone frazioni
infinitesime di bitcoin, i prezzi verrebbero espressi in cifre decimali
lunghissime, e si dovrebbero disporre di un videoterminale con cui potersi
connettere costantemente al web, alla rete elettrica nonchè avere un minimo di
cultura informatica, quando invece la maggior parte della gente non sà nemmeno
come accendere un televisore.
>

Da come hai descritto proprio il contrario
Una moneta talmente rarefatta che se si usasse solo quella e non se ne
produrrebbe abbastanza il sistema economico mondiale crollerebbe per
scarsita di moneta

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Le discipline economiche | Tutti i gruppi | it.economia | Notizie e discussioni economia | Economia Mobile | Servizio di consultazione news.